Un rimedio contro la paura del dentista: la sedazione cosciente

Inutile nascondersi: l’idea di andare dal dentista non piace a nessuno, né agli adulti né ai bambini. La prospettiva di doversi recare in uno studio odontoiatrico, infatti, rappresenta per la stragrande maggioranza delle persone una fonte di preoccupazione, legata principalmente alla paura di avvertire dolore. Eppure i rimedi contro le nostre ansie e le nostre forme di stress esistono e sono efficaci. Tra queste merita di essere analizzata nel dettaglio la cosiddetta sedazione cosciente: vediamo insieme in cosa consiste e i benefici che comporta.

Cos’è, come funziona e a chi si applica

La sedazione cosciente non può definirsi un’anestesia nel senso letterale del termine: si tratta invece di una procedura grazie alla quale il nostro livello d’ansia viene sensibilmente abbassato senza tuttavia alterare né i nostri parametri vitali, né il nostro stato di coscienza. Al paziente viene fatta inalare una miscela di protossido d’azoto (che svolge la stessa funzione di un ansiolitico) e di ossigeno in quantità calibrate in base alla risposta del paziente stesso: la concentrazione di ossigeno non scende mai al di sotto del 30%. Gas atossico e dal sapore dolciastro, il protossido di azoto può essere utilizzato anche per interventi lunghi e i suoi effetti possono essere neutralizzati in non più di 5 minuti. La sedazione cosciente è indicata sia per pazienti che assumono un certo quantitativo di farmaci (cardiopatici, diabetici, epilettici) ma anche per pazienti sani e persino per i bambini.

Cosa succede al paziente durante la sedazione cosciente?

Quando la miscela di protossido di azoto e ossigeno viene calibrata in maniera corretta, il paziente entra in uno stato definibile come una sorta di torpore e benessere: respira in maniera autonoma e la sua soglia del dolore si innalza. Ovviamente esistono anche controindicazioni che non vanno trascurate. In caso di un sovradosaggio, ad esempio, il paziente avverte di solito una sensazione di galleggiamento, oltre a vertigini e nausea seppure per un arco di tempo molto breve. La sedazione cosciente è sconsigliabile inoltre per chi fa fatica a respirare con il naso e per le donne che si trovano nei primi 3 mesi di gravidanza. Fatte salve le precauzioni e le accortezze da seguire, resta una validissima tecnica grazie alla quale il paziente affronta un intervento odontoiatrico con la massima serenità e tranquillità.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli:

La salute orale durante la gravidanza

L’igiene orale è fondamentale ed è bene che diventi un’abitudine sempre, a qualsiasi età e anche in gravidanza. Aver cura dei propri denti quando si è

I principali nemici della salute dentale

Alcuni cibi più di altri sono potenzialmente dannosi per i denti, in modo particolare quelli zuccherini, cariogeni, e quelli acidi, che macchiano e danneggiano lo smalto.

Come scegliere la protesi dentale giusta

Le protesi dentali sono la soluzione ideale ai problemi di edentulia parziale o totale, ovvero alla mancanza di uno o più denti nell’arcata superiore e/o inferiore.

Come funziona lo sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è uno dei trattamenti estetici oggi più richiesti: grazie a questa procedura, infatti, è possibile ottenere un sorriso candido e smagliante con risultati